Sampdoria – Napoli (Lezione 30), è veramente una nuova visione del mondo

Preambolo. Leggendo la storia della Fisica o di qualsiasi altra disciplina scientifica, ci accorgiamo che ad un certo punto avviene una sterzata. Quando ci si trova in un vicolo cieco, se la teoria esistente fatica a spiegare delle osservazioni, solo una rivoluzione, una nuova visione del mondo, può funzionare. Come la rivoluzione di Einstein, si richiede una nuova fisica (come descritto in Napoli – Genk (Lezione 21), i paradossi e una nuova Fisica). La fisica di Newton non riusciva a spiegare l’azione a distanza, la precessione del perielio di mercurio, la deflessione della luce. Arriva Einstein e fa il Masaniello. Cambia la comprensione dello spazio e del tempo, che diventano protagonisti, la massa modifica lo spazio-tempo, che a sua volta influenza le orbite dei pianeti e le traiettorie dei raggi di luce. Si prevedono buchi neri e onde gravitazionali, che vengono anche osservati. Gattuso ha definitivamente fatto l’Einstein, ha dato una nuova visione del mondo.

Copertina_Samp-NapoliLa partita. Tocca alla Sampdoria, e ci si aspetta una possibile frenata, dopo la soddisfacente, assurda, partita con la Juve (Napoli – Juventus (Lezione 29), un miraggio, assurdo ma possibile). Ma Gattuso sembra aver convinto i suoi di essere quelli che erano, con un modulo diverso e un mediano che pensa. Ma i giocatori sono finalmente catechizzati, convinti dei movimenti e consci delle proprie note potenzialità. E va subito in vantaggio, con Milik, che precisione di testa, e poi raddoppia da angolo con Elmas. Non può far nulla sulla genialata volante di Quagliarella e salva il pareggio con un palo. Il Napoli sa soffrire, ha il carattere del suo allenatore. Ma viene rimontato una prima volta e il VAR annulla, poi Gabbiadini si prende la sua rivincita e batte Meret su rigore. Potrebbe andare in qualsiasi maniera, ma il Napoli non si perde d’animo e la vince. Con Demme va in vantaggio, un Diego che fa il suo primo gol in azzurro, e poi la finisce con il gol a porta vuota di Mertens.

Conclusioni. E’ veramente una nuova visione del mondo. Gattuso ha avuto il merito di risvegliare in questi ragazzi l’orgoglio e la consapevolezza di se stessi, che avevano smarrito. E dopo queste due ultime partite, sembra che gli azzurri abbiano realmente iniziato un nuovo percorso. Il calcio di Gattuso è chiaro, c’è possesso, la ripartenza dalla difesa, una mente pensante al centro del campo, Demme e Lobotka possono dare una grande mano a questa squadra. E Insigne è rinato. Gattuso fa la sua rivoluzione, la sua rivoluzione romantica, alla ricerca di animo e passione, corredati da intensità e concentrazione. E’ veramente una nuova visione del mondo.

 

Questa voce è stata pubblicata in La Fisica del Napoli, La Partita e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...