Il Napoli è una squadra illuminista, ma un po’ di romanticismo non guasterebbe

Soccer: Serie A; Atalanta-NapoliRiflettevo sul week end calcistico appena terminato, sull’impresa del Leicester, sulle partite vinte dalla Roma negli ultimi minuti, anche grazie alla classe di Totti, e alla partita azzurra, non tanto dissimile da molte altre partite del Napoli (leggi qui per dettagli). Lo abbiamo ripetuto in tutte le salse, abbiamo elogiato il gioco del Napoli, che ha dominato in lungo e largo per buona parte del campionato, il gioco di Sarri ha impressionato perché è stato metabolizzato subito e messo in pratica dai campioni azzurri, con la difesa alta, il pressing alto, la rete fitta di passaggi, e quindi la conseguente mole di azioni da gol, il numero esorbitante di passaggi, il pallone tra i piedi degli azzurri sembra che scotti, ma è una cosa positiva, il pallone gira e velocemente, stoppa, un tocco e la passi, in pochi sono gli azzurri che amano il pallone, e Mertens è uno di quelli che tiene maggiormente il possesso palla. E come dimenticare la fase passiva degli azzurri, pressing a tutto campo coordinato con una difesa altissima. Il Napoli è stata una macchina perfetta che ha come suo obiettivo principale il gioco, la circolazione del pallone per arrivare alla verticalizzazione centrale, al gioco sul lato sinistro e al cambio di gioco verso il lato debole dell’attacco, e tutto preciso come un cronometro, gli azzurri sanno cosa fare e lo fanno al millimetro, il miglior Napoli ha sempre concesso ai suoi giocatori più possibilità di passaggio, il Napoli è come una mare che si schianta sugli avversari, le distanze sono sempre precise, e la squadra di Sarri avvolge gli avversari stritolandoli. Ma il Napoli ha fatto più di quello che poteva e doveva fare, e quindi alcune lacune psicologiche e caratteriali, e anche nella struttura tattica della squadra, gioco forza, sono venute fuori alla lunga, e a 2 giornate dalla fine, nonostante il più bel calcio mostrato, il Napoli si trova a giocarsela punto a punto con la Roma, risorta dopo l’avvento di Spalletti e grazie a quel dio del calcio che si chiama Francesco Totti.

Questa perfezione nel gioco, la conoscenza al millimetro del da farsi, la perfezione taletiana delle geometrie dei passaggi, tutto mi suggerisce il fatto che il Napoli possa essere definita una squadra illuminista, sì illuminista, proprio in riferimento all’illuminismo del Settecento, il Napoli è una squadra totalmente razionale, ha un suo obiettivo, ha i mezzi per raggiungerlo, e tenta di raggiungerlo basandosi sulle regole che conosce, pur lasciando ai suoi interpreti l’ingegno finale, la fantasia nel passaggio, nel dribbling e nel gol, ma questi gesti personali di razionalità e irrazionalità allo stesso momento sono naturali in uno sport che vede il suo massimo nell’esaltazione del singolo. Come l’Illuminismo, come movimento culturale, politico e sociale, tendeva a includere qualsiasi pensiero che tendesse ad illuminare la mente degli uomini, così il Napoli usa la ragione, il concreto, la tattica, per esaltare le caratteristiche dei singoli ed arrivare alla vittoria. La Roma, invece, sembra una squadra più Romantica, nel senso generale del termine, e anche se lo rapportiamo al movimento dell’Ottocento! Come ogni squadra ha una struttura tattica, ma ha mostrato di volersi affidare meno alla ragione e più al cuore, e quindi è stata capace di ribaltare le partite, spinta dal cuore, dalla passione, dall’apporto tecnico del campione, entrato nel finale per dar manforte ai suoi. Il Napoli segue la ragione, e meno l’intuizione del singolo, che viene cercata solo nell’atto finale, e meno il cuore, il sentimento, sì, usa di meno il Romanticismo. Il Napoli è una squadra illuminista, ma un po’ di romanticismo non guasterebbe. Forse è questa componente romantica che manca a questo Napoli. Il Napoli è quasi perfetto come è, rassicura sapere che segue delle regole precise e le mette in pratica alla perfezione, ma la perfettibilità passa forse da questa umanizzazione del suo perfezionismo tecnico-tattico. Delle volte, senza le sue certezze, il Napoli è sembrato smarrito, gli è mancata la forza emotiva e la convinzione di andare oltre la ragione, mai sfiorando e toccando l’irrazionale. Questo Napoli non potrà mai diventare una squadra come Juventus, Inter e Roma, che quando serve e più di quanto serve, fanno ricorso al cuore, alla cazzimma, ad una palla buttata in area in cerca della spizzata (ma qui mancano nel Napoli caratteristiche tecniche specifiche), all’assalto all’arma bianca fino all’ultimo minuto. Ma deve quantomeno provare a imparare qualche cosa di diverso da quello che gli viene meglio. Bene, è questo che manca al Napoli, senza snaturarsi, il Napoli deve riscoprire un po’ di Romanticismo, meno ragione e più cuore, dovrà essere meno astrale nelle intenzioni e più terreno, meno robotico e più umano, meno illuminato e più romantico.

Anche su MundoNapoli Sport 24.

Questa voce è stata pubblicata in Curiosità e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Il Napoli è una squadra illuminista, ma un po’ di romanticismo non guasterebbe

  1. Pingback: Napoli – Frosinone 4 – 0, l’ultima sfida celebra il miglior Napoli di sempre | La mia sul Napoli

  2. Pingback: Milan – Napoli, dopo la ragione, il sentimento e la passione | La mia sul Napoli

  3. Pingback: Milan – Napoli, dopo la ragione, il sentimento e la passione | sport.ilmediano.it

  4. Pingback: Napoli – Fiorentina, il Napoli è come un sistema operativo in continuo aggiornamento | La mia sul Napoli

  5. Pingback: Napoli – Fiorentina, il Napoli è come un sistema operativo in continuo aggiornamento | sport.ilmediano.it

  6. Pingback: Spal – Napoli, abbandonando il proprio illuminismo per un’irrazionalità romantica | La mia sul Napoli

  7. Pingback: Spal – Napoli, abbandonando il proprio illuminismo per un’irrazionalità romantica | sport.ilmediano.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...