Il Napoli, se allunghi la base del rettangolo, per mantenere l’area costante devi ridurre l’altezza

Anche su Il Mediano Sport.

Mancano 3 partite cruciali alla fine di questa stagione (con Cesena, Juventus e Lazio), una stagione che ci ha visti soffrire e gioire. Sballottati dall’eccitazione per partite da top team, allo sconforto dovuto a prestazioni deludenti e sconfortanti. Si può iniziare a tirare le prime somme. Per fare questo ho pensato ad un parallelismo geometrico.

Possiamo raffigurare questa stagione come un rettangolo che ha un’area fissata. Pensate all’area del rettangolo come la somma di tante componenti: le potenzialità tecniche e tattiche, la psicologia, l’apporto del tifo, l’ambiente, il mercato, il ruolo del presidente, le capacità e il lavoro di giocatori e staff tecnico, ecc. ecc. Tutte queste componenti si sommano per portare una squadra a vincere o perdere. Possiamo collegare la base di questo rettangolo all’intenzione del mister, e applicata partita dopo partita, di giocarsi, fino in fondo, tutte le competizioni. L’altezza è quanto lontano è andato il Napoli e quanto ha vinto.

Se allunghi la base del rettangolo, per mantenere l’area costante devi ridurre l’altezza. Con un parallelismo più semplice, si potrebbe dire che “la coperta è corta”, anche se questo modo di dire tende a sottolineare solo l’aspetto negativo della storia, mentre il parallelismo geometrico fornisce una immagine più onesta e chiara di quanto fatto dal Napoli.

Il mister Benitez ha tentato di lavorare sulla base del rettangolo, l’area è chiaramente collegata al potenziale a disposizione, a quanto è uscito fuori dal mercato, a quanto il Napoli poteva o pensava di potersi permettere. Il turnover è l’essenza della filosofia del mister, è il mezzo per arrivare “alla spiaggia” con le forze giuste e “senza affogare” per affrontare il finale, per diminuire la possibilità di infortuni, per tenere tutti sulla corda. Non ha sempre funzionato, ma la volontà era quella di aumentare le prestazioni diminuendo le fatiche al minimo. Giocando meno, puoi rendere di più. E Hamsik è l’esempio lampante di questa filosofia. E da un certo punto di vista il lavoro sulla base del rettangolo ha funzionato, perché il Napoli è riuscito ad arrivare alle semifinali di Coppa Italia ed Europa League, ed è a 3 giornate dalla fine a 3 punti dalla Lazio, con la possibilità di giocarsela.

Ma il lavoro sulla base del rettangolo è andato a discapito dell’altezza. Gestendo diverse competizioni, il Napoli ha irrimediabilmente perso punti in campionato, e non è riuscito ad assicurarsi il massimo dei risultati nelle 3 competizioni o almeno in una delle 3, e si ritrova a poco dalla fine con la possibilità di giocarsela, ma anche nella situazione rischiosa di perdere il treno Champions in campionato. Gestendo più competizioni e quindi più partite (la base del rettangolo), il Napoli non è riuscito ad arrivare in fondo alle 3 competizioni (quindi l’altezza non è stata lunga quanto necessario), anche perché le qualità della squadra sono, chiaramente, limitate, ed a queste problematiche tecniche si è aggiunto qualche fattore,  difficilmente tracciabile, ma che riguarda la sfera psicologica di una squadra che avrebbe potuto e dovuto fare molto di più (questo fattore psicologico ha limitato l’area del rettangolo). Ma resta un enorme rimpianto, perché per i valori tecnici messi in campo questa squadra avrebbe dovuto aver la meglio con Verona, Empoli, Parma e squadre di simile valore, senza alcun problema.

Ci siamo resi conto che l’area del rettangolo non era abbastanza per gli obiettivi che tutti noi speravamo potessero essere raggiunti, o quasi. Le ultime speranze riposte in questo finale di stagione avranno risposta nei prossimi giorni. Ma abbiamo capito che, con o senza Benitez, bisogna aumentare l’area del rettangolo: aumentare il tasso tecnico, ma lavorare anche sulla testa di questi giocatori.

Metti Mi Piace sulla pagina Facebook, vai qui.
Segui @lamiasulnapoli su Twitter, vai qui.
Segui la rubrica anche su Google+, vai qui.

area-rettangolo1

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Curiosità e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Il Napoli, se allunghi la base del rettangolo, per mantenere l’area costante devi ridurre l’altezza

  1. Pingback: Napoli – Cesena 3 – 2, io ti amo tanto, ma mi fai troppo soffrire! | La mia sul Napoli

  2. Pingback: La crescita del Napoli nel ranking UEFA, anche grazie a Benitez | La mia sul Napoli

  3. Pingback: Comunicazione disequilibrata e quello sconosciuto equilibrio in campo | La mia sul Napoli

  4. Pingback: Il lato positivo di Napoli – Villarreal, usando la geometria piana – (senza) Tattica e statistiche | La mia sul Napoli

  5. Pingback: Il lato positivo di Napoli – Villarreal, usando la geometria piana – (senza) Tattica e statistiche a cura di Crescenzo Tortora - Mundo Napoli Sport 24

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...