Parma – Napoli 2 – 2. Imperdonabili, il Tardini sembrava il Castellani!

Su Il Mediano Sport.

Questa sera mi sembra di stare al Castellani. Ma mi sbaglio. E’ il Tardini di Parma. I Parmigiani hanno dimostrato molto orgoglio nelle scorse settimana, ma una squadra come il Napoli non dovrebbe temere questa squadra che a fine stagione fallirà. Questa sera mi sembra di stare proprio al Castellani. Il Tardini come il Castellani, come il Bentegodi. Il Napoli non gioca. Calcio d’angolo. Papera di Andujar. Palladino approfitta. Imperdonabile. Non so cosa pensare. La logica non può soccorrere nel giudizio su quanto questa squadra dimostri nel bene e nel male. Per fortuna il Napoli si desta e si propone. Nonostante tutto Koulibaly gioca meglio delle scorse partite, sarà deciso su alcuni recuperi. Bene anche Inler, che gestisce bene la palla, non in palla Gabbiadini, Zapata e Mertens. E il Napoli soffre per la partita sottotono dei suoi uomini in avanti. Ma gli avversari ci regalano l’opportunità del gol, che i nostri sfruttano. Due regali in successione della difesa Parmense, Hamsik allarga per Gabbiadini, tiro fiacco, ma Mendes non riesce ad allontanarla. Il Napoli attacca, e arriva anche una conclusione da fuori di Gabbiadini. Ma siamo al Castellani o al Bernabéu? Schema su punizione, Jorquera avanza e inventa un tiro di esterno destro, centrale. Andujar si sposta nella direzione opposta dell’effetto del pallone, quanto basta per essere fregato. Secondo errore del portiere argentino, che mette nei guai gli azzurri. Imperdonabile. Jorquera come Pirlo. Palladino come Cristiano Ronaldo.

Secondo tempo, il guaio è fatto. Il Napoli è una squadra che ha ingaggi molto più alti degli avversari odierni, è più in alto in classifica, mentre i nostri avversari sono nei bassifondi, il Napoli gioca in Europa, il Parma vede l’Europa da lontano. Eppure il Napoli è sotto, e non è la prima volta. Imperdonabile! Nel primo tempo il Napoli becca due gol, nel secondo deve attaccare. E lo fa in massa. Inizia l’assalto. Fa il suo. Calcio d’angolo, testa di Hamsik, deviazione e parata. Mirante si sente Buffon. Ne vedremo delle belle. Il portiere di origini napoletane parerà di tutto. Nocerino, napoletano, si sente Ronaldinho, fa il pallonetto e Gobbi vuole inserirsi e fare Messi. Palladino ha già dimostrato il suo amore per i colori azzurri e ha dato prova del teorema che vuole i napoletani e le meteore segnare un gol al Napoli. Ma siamo al Castellani o al Bernabéu? Entra Callejon per Zapata. Mertens è più vivo. Tiro cross dalla sinistra, Mirante devia la palla, Callejon la ribatte, mirante si sente Ed Warner di Holly & Benji, miracolo in presa bassa. Benitez mette in campo la sua artiglieria. Higuain per Gargano, Hamsik passa in mediana. Bene Callejon, ha la giusta aggressività. E’ dura ma il Napoli assedia il Parma. Mirante perde parecchio tempo sulle rimesse e non solo, si ‘ntalleia parecchio. Mirante è napoletano. Non mi venite più a parlare di campani e napoletani, capisco la professionalità nel proprio lavoro, ma le scorrettezze no, non me le aspetto dai nostri conterranei, ci sono atteggiamenti che non mi vanno giù. Mertens lancia per Higuain, Higuain tira fiacco, Mirante devia, ancora Higuain che colpisce fiacco, ancora Mirante. Benitez conta i minuti che Mirante perde ad ogni rimessa dal fondo. Molte squadre che incontrano il Napoli dimostrano di non conoscere cosa sia la correttezza, e noi facciamo i signori. Speriamo che paghi. Gabbiadini in ripartenza, la cerca di piazzare alla sua sinistra, nulla, palla deviata in angolo. Errore di testa di Albiol da solo in mezzo all’area. Quante occasioni. Troppe occasioni. Ma finalmente arriva il gol. Mertens trova spazio, si accentra, la piazza rasoterra sul palo lontano. E’ gol. Pareggio. Inler non ce la fa, entra David Lopez. Altre due parate di Mirante su Hamsik, una deviazione su Higuain. Mirante è impossessato dall’anima di Jasin. Polemiche nel finale.

Due punti gettati via, la possibilità di avvicinarsi minacciosamente alla Roma, oggi gli azzurri sono imperdonabili. Il Parma squadra fa la sua partita, e dimostra l‘orgoglio di chi non si arrende, nonostante certe persone abbiano portato la società al fallimento. Roma e Lazio ti aspettano e tu li lasci puntualmente andare. Un primo tempo gettato con il solito approccio svogliato, con orrori in fase difensiva, soprattutto del portiere, il ruolo è stato croce di questa squadra. E’ imperdonabile. Sono imperdonabili. Poi la squadra si risveglia, fa il suo, fa il Napoli, mette in campo il divario tecnico, tattico ed economico. Fa il suo. Recupera. Segna il gol del pareggio. Tante azioni, tanti tiri (23 tiri e 12 nello specchio della porta, fonte whoscored.com), il solito portiere avversario che si esalta, le solite perdite di tempo avversarie, la mira che non è sempre precisa, un po’ di sfortuna. I paradossi di una squadra tanto forte, tanto pericolosa, ma solo quando lo vuole. Non sempre pronta ad affrontare le partite col piglio giusto, quelle con squadre molto più deboli, ma capace di affrontare squadre forti. E’ un controsenso oramai imperdonabile. Imperdonabili, perché con questo Parma non si possono prendere quei gol. E oggi non mi sento di lodare la prestazione del secondo tempo, perché quanto mostrato nel secondo tempo dovrebbe essere normalità per i valori che il Napoli può mettere in campo. E nel momento in cui metti in campo tutta la tua volontà di vincere la partita, inevitabilmente avversari inferiori si chiudono e trovare spazi diventa difficile. Il Napoli avrebbe potuto gestire la partita con la massima tranquillità, senza sprecare energie, invece ha dovuto recuperare e attaccare in massa, ha dovuto mantenere in campo giocatori come Mertens, Hamsik e Gabbiadini per tutta la partita, e far entrare Callejon e Higuain. Alla faccia del risparmio di energie. Il Napoli che gioca contro se stesso e il suo turnover scientifico. Per fortuna che siamo a fine stagione. Imperdonabili. Ennesima occasione sprecata. Giovedì l’altra semifinale. Andiamo a Kiev con la giusta mentalità. Imperdonabili.

Metti Mi Piace sulla pagina Facebook, vai qui.

Soccer: Serie A; Parma-Napoli

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in La Partita e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Parma – Napoli 2 – 2. Imperdonabili, il Tardini sembrava il Castellani!

  1. Raffaele D'Abrusco ha detto:

    Da simpatizzante del Napoli mi spiace che la squadra stia dilapidando la possibilità più che concreta di arrivare in Champions tramite il campionato. Lazio e Roma dovranno ringraziare il loro stellone e l’incredibile volubilità dei partenopei se riusciranno a partecipare entrambi alla massima competizione continentale.

    Piace a 1 persona

  2. Pingback: Le polemiche di Parma – Napoli, e l’attacco mediatico intriso di preconcetti! | La mia sul Napoli

  3. Pingback: Il Napoli, se allunghi la base del rettangolo, per mantenere l’area costante devi ridurre l’altezza | La mia sul Napoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...